PO FESR 2014 – 2020 – AP “Sostegno al rilancio, allo sviluppo e alla innovazione delle attività produttive e delle professioni con sede operativa nella città di Matera, Potenza, Comuni Aree Interne”.

E’ pubblicata sul BUR del 1/04/2022 la Deliberazione di Giunta Regionale n. 166 del 25/03/2022 con la quale sono stati approvati tre Avvisi Pubblici:

  • “Sostegno al rilancio, allo sviluppo e alla innovazione delle attività produttive e delle professioni con sede operativa nella città di Matera
  • “Sostegno al rilancio, allo sviluppo e alla innovazione delle attività produttive e delle professioni con sede operativa nella città di Potenza
  • “Sostegno al rilancio, allo sviluppo e alla innovazione delle attività produttive e delle professioni con sede operativa nei Comuni delle Aree Interne

Di seguito una breve scheda illustrativa:

 SOGGETTI AMMISSIBILI

Possono accedere alle agevolazioni le PMI (micro, piccole e medie imprese), secondo la definizione di cui all’Allegato I al Regolamento (CE) n. 651/2014, compreso i liberi professionisti che intendono realizzare investimenti in sedi operative ubicate nella città di Matera, Potenza e Comuni della Aree Interne (vedi elenco nell’AP) e che alla data di inoltro della candidatura telematica siano almeno costituite e iscritte al registro delle imprese. Per i liberi professionisti o associazioni di professionisti avere la partita IVA aperta a tale data e per le professioni ordinistiche (cioè quelle professioni per le quali per esercitare la professione hanno l’obbligo di essere iscritte ad un albo), essere, a tale data, anche iscritte al proprio albo professionale.

 SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI

I settori di investimento ammissibili sono i seguenti:

– Produzione/Industria;

– Artigianato (incluso il settore dell’edilizia);

– Commercio;

– Turismo;

– Servizi;

– Informatica;

– Trasporti;

– Attività professionali;

– Sociale;

– Servizi alla persona;

– Intrattenimento e benessere.

TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO AMMESSE AD AGEVOLAZIONE

Sono ammissibili i programmi di investimento di importo, pari o superiore a euro 10.000,00 al netto delle spese generali da realizzarsi sul territorio dei comuni beneficiari.

I programmi di investimento devono essere compresi nelle seguenti tipologie di intervento:

– Investimenti finalizzati ad avviare una nuova sede, ampliare/ammodernare la sede esistente e diversificare l’attività esistente;

– investimenti finalizzati ad accrescere il livello quali-quantitativo dei prodotti e/o dei processi;

– introduzione di adattamenti e modifiche del processo produttivo finalizzati allo sviluppo di nuovi prodotti e/o servizi;

– interventi legati ai processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale;

– interventi finalizzati a prevenire o presidiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19;

– investimenti a sostegno dei processi di digitalizzazione e dell’utilizzo delle tecnologie digitali;

– investimenti finalizzati alla razionalizzazione dei processi produttivi e al contenimento dei consumi energetici per promuovere un quadro ambientale ecosostenibile.

I programmi di investimento devono essere completati entro 12 mesi dalla data di accettazione del provvedimento di concessione

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili ad agevolazioni le spese, strettamente funzionali allo svolgimento dell’attività e al programma di investimento candidato, sostenute a partire dalla data di pubblicazione sul BUR dell’Avviso e pertanto dal 5 ottobre 2020, relative a:

– opere edili ed impiantistiche (D.M. 37/2008) finalizzate alla ristrutturazione/ampliamento così come definiti nell’allegato A al presente Avviso Pubblico, nel limite massimo del 30% dell’investimento ammissibile ad agevolazione

– software;

– consulenze nel limite massimo del 15% dell’investimento ammissibile;

– veicoli commerciali per il trasporto di merci o passeggeri (es. autocarri, furgoni, taxi, veicoli per il trasporto persone) a basso impatto ambientale e mobilità sostenibile e limitatamente ai casi in cui risultino funzionali e strumentali all’attività oggetto di agevolazione e la Proponente, laddove previsto, sia in possesso dei titoli abilitanti previsti dalla normativa vigente;

– spese generali (spese per la redazione della domanda, l’assistenza alla realizzazione del progetto candidato, spese tecniche riferite al progetto d’investimento e la perizia giurata) nel limite del 3% dell’investimento ammissibile ad agevolazione.

 CAMPO DI APPLICAZIONE E INTENSITÀ DELL’AGEVOLAZIONE

L’intensità di aiuto in equivalente sovvenzione lordo (ESL) non può superare:

  1. a. per il regime “de minimis” di cui al Regolamento (UE) n. 1407/2013 il 65% per un valore massimo non superiore a euro 150.000,00;
  2. b. per il regime di esenzione di cui del Regolamento UE 651/2014 (GBER) l’intensità massima di aiuto stabilita nella Carta degli aiuti a finalità regionale per l’Italia (1° gennaio 2022 – 31 dicembre 2027) – Aiuti di Stato SA.100380(2021) entrata in vigore il 1 gennaio 2022 che fissa i seguenti massimali:
  • 40% per le medie imprese e comunque non superiore a euro 250.000,00;
  • 50% per le micro e piccole imprese e comunque non superiore a euro 250.000,00.

 

APERTURA SPORTELLO PER PRESENTAZIONE DOMANDE

Lo sportello per la presentazione delle domande sarà aperto a partire dalle ore 8.00 del giorno 16/05/2022 e fino alle ore 18.00 del giorno 30/06/2022.

Conforma Basilicata, società di servizi di Confindustria Basilicata, è a disposizione per fornire informazioni e consulenza per la redazione dei progetti di investimento da candidare a finanziamento sui tre Avvisi Pubblici.

In allegato i tre Avvisi.

Contenuti riservati ai membri di Confindustria Basilicata.
Effettua il LOGIN per visualizzarlo