Confindustria Basilicata
Confindustria Basilicata
Via Di Giura – Centro Direzionale 85100 Potenza
Codice Fiscale 96051160768

Perretti: “Per i lavori del futuro necessario l’orientamento finalizzato all’occupabilità”

“La sfida dei lavori del futuro si gioca principalmente sulla capacità di creare una reale corrispondenza tra domanda e offerta di competenze. Anche nella nostra Basilicata si vive l’assurdo paradosso per il quale, a fronte di un tasso di disoccupazione ancora molto elevato, si registra al contempo difficoltà da parte delle imprese a trovare i profili professionali ricercati. Il lavoro anche quando c’è non è quello per cui hanno studiato i nostri ragazzi. Il perdurare di questo disallineamento che penalizza fortemente l’Italia rischia di mettere in discussione la capacità del Paese di essere seconda manifattura d’Europa. Confindustria – che ha dato all’education, alla formazione all’orientamento assoluta priorità nella propria azione  – lo dice ormai da molto tempo: competitività delle imprese e buona occupazione hanno bisogno di un maggior grado di contaminazione tra scuola, università, ricerca e  impresa“. Così il presidente vicario, Margherita Perretti, è intervenuta nel corso del webinar “I lavori del futuro: green jobs” organizzato dall’Istituto Internazionale Jacques Maritan nell’ambito dell’iniziativa “Archiscuola: progettiamo insieme il futuro. Come cambia la scuola ai tempi del Covid19“.

 

“Molto spesso i ragazzi non sanno a cosa corrisponda una determinata professione. Per questo – ha continuato Perretti – è fondamentale un supporto da parte della scuola all’orientamento formativo e quindi professionale. Per fare questo occorre una programmazione che sia finalizzata all’occupabilità, superando anche certi approcci culturali, diffusi soprattutto al Sud, di preconcetto rispetto agli istituti tecnici. I lavori del futuro contemplano  soprattutto alta specializzazione tecnica e richiedono adeguata formazione delle cosiddette soft skills, quali  duttilità, capacità di resilienza, proattività”. 

La presidente vicario ha poi fatto riferimento al recente annuncio della ministra Azzolina di voler destinare 2 miliardi del Recovery Fund al rafforzamento degli ITS, aumentare del 150 per cento il numero degli iscritti. 

“La formazione realmente orientata al lavoro è una delle risposte più efficaci al fenomeno dello spopolamento giovanile che in Basilicata desta particolare preoccupazione. Accanto  a questo occorre dialogo tra tutti gli attori locali dello sviluppo per garantire risposte adeguate alle problematicità del nostro territorio, che ha tutte le potenzialità per intraprendere un cammino di crescita stabile e duratura. L’impresa gioca un ruolo fondamentale in questo percorso. Per questo tra le priorità non rinviabili ci sono Zes Jonica, rafforzamento della dotazione infrastrutturale e ammodernamento delle aree industriali“. 

Nel corso del webinar è intervenuto anche il vice presidente del Distretto Meridionale Eni, Walter Rizzi.