Confindustria Basilicata
Confindustria Basilicata
Via Di Giura – Centro Direzionale 85100 Potenza
Codice Fiscale 96051160768

Il presidente Bardi si impegna sulle proposte di Confindustria a favore delle imprese

Il presidente Francesco Somma e il direttore generale Giuseppe Carriero hanno incontrato oggi a Potenza il presidente della Regione, Vito Bardi, per un proficuo confronto a seguito del quale, la Giunta regionale si è impegnata a rafforzare le azioni di governo per garantire al sistema produttivo lucano ulteriori opportunità di sviluppo a vantaggio di imprese, lavoratori e cittadini. Il presidente Bardi ha anche annunciato che si infittirà il lavoro sinergico anche con le parti datoriali, per definire azioni mirate, in grado di offrire soluzioni immediate al mondo produttivo lucano.

 

“Ringraziamo il presidente Bardi per il prezioso momento di confronto diretto che ci ha offerto e registriamo con soddisfazione l’impegno concreto da lui assunto a definire soluzioni operative non solo per fronteggiare l’emergenza, ma anche per un più complessivo piano armonico di sviluppo economico e sociale che contempli una efficace politica industriale”, ha dichiarato il presidente Somma.

“La tenuta dei nostri comparti produttivi – ha detto Bardi – è una delle premure della Giunta regionale per uscire più forti e prima possibile dall’ulteriore indebolimento prodotto dal Coronavirus. La nostra azione dovrà mirare a ridare fiducia agli imprenditori coinvolti in questa delicata fase. Ho sempre ritenuto gli imprenditori i veri eroi del nostro tempo che producono occupazione e sviluppo per sé stessi e la comunità. Il mio impegno – ha aggiunto – sin dal primo giorno del mio incarico, è stato quello di contribuire allo sviluppo dell’impresa, semplificando le procedure amministrative. Sono convinto che con il presidente Somma avremo un rapporto proficuo e cordiale”. 

Queste, in sintesi, le tracce di lavoro contenute nel documento che il presidente Somma ha consegnato al presidente Bardi: accelerazione delle procedure degli avvisi pubblici e delle liquidazioni degli stati di avanzamento per gli investimenti delle imprese; completamento della transizione digitale delle imprese; conseguire con la Cassa depositi e Prestiti il rapido pagamento dei crediti alle imprese, secondo quanto previsto dal decreto Rilancio; monitoraggio delle opere pubbliche cantierizzabili e avanzamento di quelle avviate; semplificazione e accelerazione degli iter autorizzativi per le fonti rinnovabili anche attraverso un più complessivo intervento di ammodernamento della tecnostruttura; investimenti in comunicazione e marketing turistico; tempi certi per la bonifica delle aree SIN di Tito e Valbasento; investimenti in chimica verde.